Not

Diventare il VIP del momento acquistando Fan su Facebook: neanche i praticanti

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 Email -- Google+ 0 0 Flares ×

Vi siete mai chiesti perché le pagine social di alcuni personaggi pubblici crescano vertiginosamente in pochi giorni? Forse perché i personaggi in questione hanno tante cose, e tutte molto interessanti, da dire? Un fascino magnetico e irresistibile per il popolo del web?

No. Semplicemente, comprano i propri fan in pacchetti. In genere il costo è approssimativamente di 20 centesimi di euro per fan. Un investimento iniziale che serve per dare visibilità alla pagina e aumentare le potenzialità dei contenuti promossi.

E’ una pratica piuttosto diffusa tra Vip, politici e  aziende e di solito passa in sordina.  Questa volta il gioco non ha funzionato per David Cameron, primo ministro inglese il cui staff si è sentito obbligato, di fronte alla penuria di fan su Facebook, a comprare un pacchetto di “Like” per ripopolare la pagina del politico.

Mossa che se fosse stata compiuta da Lady Gaga avrebbe destato ben poco sospetto, magari accompagnata da una delle sue pirotecniche esibizioni a giustificare l’aumento di fan di punto in bianco. Ma così non si fa, e mi rivolgo allo staff di Cameron. Il premier già gode di bassa popolarità e di reputazione non proprio fulgida, non ha dimostrato grande carisma e una tale esposizione, per di più accidentale e collaterale, serve solo ad alimentare il chiacchiericcio negativo piuttosto che a concentrarsi sulle battaglie intraprese dal politico, in particolar modo l’ultima contro la pornografia online (non proprio una mossa che sancirà la sua popolarità, anzi). Ad aggravare il fatto c’è l’utilizzo di soldi pubblici per la maldestra mossa di social media marketing, che espone ulteriormente il premier ad aspre critiche.

La strategia di aumento dei “Like” deve accompagnarsi con notizie bomba e campagne di coinvolgimento dei fan, così da rendere almeno plausibile l’arrivo di nuovi seguaci. E purtroppo per i politici ci vuole una certa forza e brillantezza di immagine per splendere sui social network, mentre per gli idoli consolidati del web 3.0, come Rihanna con i suoi 86 milioni di fan su Facebook  , stiamo pur sicuri che dell’aumento di qualche migliaia di persone non se ne accorgerebbe nessuno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 Email -- Google+ 0 0 Flares ×
Altro... Casa Bianca, comunicato stampa, comunicazione, Donald Trump, Exxon, ExxonMobil Corporation, Marziale, plagio, PR, PR staff, reputazione, Rex Tillerson, US
Fedez contro le fake news dei giornalisti, risponde a Concita de Gregorio su Facebook
Fedez discute con Concita De Gregorio di giornalisti e fake news. #storytelling di una reputazione da 800 mila click

“Dovrebbero andare a lavorare in miniera”. Se partisse un toto-scommesse su chi possa aver detto...

A San Valentino polemiche per le promozioni Keyaku e Media World per la festa degli innamorati

Per la gioia dei single di tutto il mondo, San Valentino è arrivato e con...

Budweiser boicottata per lo spot contro Donald Trump
Alla rete la sentenza sullo spot di Budweiser per il Super Bowl, e intanto scatta il boicottaggio del brand che sfida Trump

Super Bowl o super boycott? All’azienda produttrice di birra Budweiser sono bastati 60 secondi di...

Chiudi