Hot

Facebook prende provvedimenti sulla compravendita di armi

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 Email -- Google+ 0 0 Flares ×

I social network aprono la strada a forme di commercio e scambio che abitualmente definiremmo sottobanco. Così la circolazione di merci controverse come le armi avviene liberamente e senza i controlli di rito che regolano il mercato in America: l’accertamento dei requisiti psicofisici per il possesso dell’arma e la verifica della fedina penale dell’acquirente.

Per ora Facebook non può entrare nelle conversazioni che avvengono tra gli utenti per questioni di privacy, né intromettersi, o chiedere a terzi di intromettersi, in quelle che sono trattative da privati che, se non fossero online, avrebbero luogo probabilmente in un bar. Ciò che il social network ha invece intenzione di fare è chiedere di segnalare i contenuti delle proprie pagine nel caso trattino di armi, così come vengono segnalati i tabaccai, i negozi di alcolici e le farmacie nella realtà non virtuale.

Non è chiaro come farà Facebook a entrare nel merito di ogni compravendita, intanto l’oscuramento delle pagine che trattano di armi ai minori, cioè l’impostazione di particolari target per ogni post,  e l’obbligo di segnalazione di qualsiasi passaggio di proprietà dell’arma sembrano le misure più quotate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 Email -- Google+ 0 0 Flares ×
Altro... aspetti di reputazione, crollo in Borsa, data, LinkedIn, peace, Privacy, reputazione, sicurezza, social media, social network, strategia di recovery, twitter
Il Guardian, Facebook e l’accusa di manipolare i trending topics

Sebbene non sia disponibile in italiano, Trending è una sezione di Facebook che permette agli...

convivio-680x366
Per Convivio “L’Aids è di moda”. Provocazione o reputazione?

E’ questo il tanto discusso claim della nuova campagna scelta da Convivio per promuovere la...

La reputazione di Johnson & Johnson si decide in tribunale?

La sentenza è stata emessa, di nuovo: Johnson & Johnson dovrà pagare 55 milioni di...

Chiudi