Hot

Ferrari, è il “most powerful brand”

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 Email -- Google+ 0 0 Flares ×

La Ferrari, il brand raffigurato dal cavallino rampante, è il marchio più “importante” e riconoscibile nel mondo, secondo una ricerca condotta dalla società indipendente Brand Finance. L’ambito riconoscimento ha raggiunto la Casa di Maranello il 18 febbraio, proprio nel giorno in cui l’azienda ha annunciato il nuovo record di vendite nel 2012: + 4,5% a quota 7.318. Doppio riconoscimento quindi che, di certo, non potrà che migliorare la brand reputation della casa automobilistica e che è, in periodi cupi, un “Esempio” nel vero senso del termine. E’ di tutta evidenza, infatti, che le perfomance di Ferrari SpA siano altisonanti e che il loro “storytelling” possano diventare un simbolo di rilancio per quel segmento di aziende con testa e cuore Made in Italy, e che hanno bisogno di un benchmark per guardare oltre. Come hanno riportato diversi quotidiani quel che sorprende, e qui sta la forza empatica del trattamento mediatico della notizia, è che la vittoria rappresenta “un caso emblematico” perché, nonostante le dimensioni inferiori rispetto alle altre società osservate, la Ferrari precede nella classifica sulla forza attrattiva del brand, colossi come Google, Coca-Cola, PricewaterhouseCoopers ed Hermes”.

Nel lontano 6 luglio del 1982, la Gazzetta Sportiva titolò “Fantastico” “l’Italia batte il Brasile” e, il giorno successivo a nove colonne: “Ora il mondo dice favorita l’Italia”. Non è perciò affatto casuale che, il 19 febbraio, i titoli (con richiamo in prima pagina) con cui Repubblica e la Stampa hanno costruito lo storytelling del riconoscimento siano stati “E’ Ferrari il marchio più forte, battuta Apple” e “Per la Ferrari i conti migliori della storia”. Il Made in Italy è perciò capace di scrivere pagine di storia?

© Riproduzione Riservata

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 Email -- Google+ 0 0 Flares ×
Altro... aspetti di reputazione, crollo in Borsa, data, LinkedIn, peace, Privacy, reputazione, sicurezza, social media, social network, strategia di recovery, twitter
Il Guardian, Facebook e l’accusa di manipolare i trending topics

Sebbene non sia disponibile in italiano, Trending è una sezione di Facebook che permette agli...

convivio-680x366
Per Convivio “L’Aids è di moda”. Provocazione o reputazione?

E’ questo il tanto discusso claim della nuova campagna scelta da Convivio per promuovere la...

La reputazione di Johnson & Johnson si decide in tribunale?

La sentenza è stata emessa, di nuovo: Johnson & Johnson dovrà pagare 55 milioni di...

Chiudi