varie-Coca-Cola-2
0 Flares Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 Email -- Google+ 0 Pin It Share 0 0 Flares ×

 

In occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente, Coca Cola HBC Italia apre al pubblico stabilimenti e impianti, con un invito particolare alle scuole affinché “entrino” nel mondo delle bollicine scure più conosciute del  pianeta. L’iniziativa chiamata “Aperti per te, ogni giorno lo dedichiamo all’ambiente” è finalizzata alla presentazione del Rapporto Socio-Ambientale 2011 che evidenzia investimenti importanti, che sfiorano i 4 milioni di euro – in efficienza energetica – un risparmio di 738 tonnellate di Co2 non immesse nell’ambiente, un risparmio notevole dei consumi idrici e un’attenzione alla sicurezza del luogo di lavoro.
Coca Cola apre le porte al ‘popolo’ con una articolata iniziativa, quasi sfacciata nella sua  trasparenza destabilizzante. Il colosso americano testimonia al tempo stesso  il suo impegno verso gli impianti ecosostenibili, la necessità di agire in termini di smaltimento e riciclo e di riduzione del consumo idrico e la volontà di contribuire ad una campagna di sensibilizzazione mondiale a tutela del pianeta.
E non basta, quasi andasse a braccetto con le più rigide convinzioni di Slow Food, riconosce che l’ambiente si protegge con piccole azioni quotidiane meglio ancora che con interventi di bonifica strutturati e costosissimi. Per questo invita le scuole e le avvicina al programma Water Saving che ha consentito di ridurre i consumi idrici del 7% per la produzione di 1 litro di bevanda.
La multinazionale ha scelto dunque di adottare una politica di trasparenza assoluta, ben visibile anche nel sito lanostraricetta.it che racconta nel dettaglio ciò che viene fatto nei quattro ambiti chiave: luogo di lavoro, ambiente, mercato e comunità. Di segreta rimane solo la misteriosa formula della Coca Cola che, se svelata, smetterebbe di alimentare con tanta perseveranza l’immaginario collettivo.
Ma ancora una volta qualche attento comunicatore potrebbe domandarsi se questa Corporate Social Responsability, da un punto di vista di pura Reputation, non abbia anche la volontà un po’ meno manifesta di contrastare le critiche sempre in agguato verso gli aspetti salutistici della bevanda. E in questa direzione il pensiero corre veloce alla città di NY e alla volontà del suo Sindaco di dichiarare guerra alle bollicine scure e di vietare la Coca Cola XL in una battaglia senza mezzi termini all’obesità, fenomeno che affligge più della metà dei newyorkesi…
Ma anche se fosse, finchè le scelte vanno pro-pianeta, ci mettiamo un “Mi piace”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 Email -- Google+ 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
Altro... American Express, brand, Carmelo Zuccaro, comunicare sui social media, comunicazione, Coop, Enrico Mentana, facebook Unicef Italia, Gianni Morandi, Ikea, immigrazione, Jovanotti, l’Unicef in Italia, Luigi Di Maio, migranti italia, ONG, ONG taxi migranti, Poste Italiane, reputazione, Riccardo Luna, social media, social media management, social media manager Unicef, stipendi Unicef Italia, strategia comunicativa, strategia di comunicazione, strategia social, Twitter Unicef Italia, Unicef, Unicef bambini migranti, Unicef Italia, Unicef Italia twitter, Unicef Italia volontari, unicef migranti facebook, unicef migranti online
Alla Boston Marathon Adidas corre troppo e scivola sui ringraziamenti ai partecipanti “Congratulazioni, siete sopravvissuti”

Una DEM ti seppellirà, o forse no: “Siete sopravvissuti alla maratona!” –  Grazie, lo sapevamo...

brand alta gamma usano social per dialogare coi clienti
I brand del True-Luxury puntano su social media e reputazione per guidare i consumi di alta gamma

Se i dieci uomini e le dieci donne più ricche del mondo della classifica di...

FORD_protesta_Bangkok
Le Ford Focus non frenano e la protesta accelera: assediata la sede Ford di Bangkok

Hai voluto la macchina? E adesso… prendila a badilate! Stufi dei malfunzionamenti e del continuo...

Chiudi