bandiera inglese
0 Flares Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 Email -- Google+ 0 Pin It Share 0 0 Flares ×

Le griffe del Bel paese scelgono sempre più slogan e messaggi promozionali in lingua inglese.
Il fenomeno è già da tempo in auge negli spot italiani, ma negli ultimi tempi ha subito un notevole incremento andando a modificare una di quelle che era la regola base della comunicazione  pubblicitaria, sottolineare caratteristiche di identità del prodotto proprio come può esserlo la provenienza del medesimo andando, per così dire, a mescolare un po’ le carte.

Sabrina Baggioni, Antonella Lanfranco, Floriane Novello e Paolo Gagliardo, rispettivamente Direttore Marketing di Vodafone Italia, di Bacardi Martini, di Nestlè Nespresso e di Fiat, hanno sapientemente declinato l’english style e non mancano i ritorni in termini di visibilità, di posizionamento globale e di svecchiamento del marchio.

Difatti lo slogan per antonomasia dell’utilizzo di espressioni inglesi è l’ormai celeberrimo “What else” utilizzato da Clooney nella pubblicità Nespresso, seguito a ruota da locuzioni come “There’s party di Sharon Stone o ancora al “Life is now” della coppia Blasi-Totti (e molti altri), fino all’ultimissimo “500 is pop” di Jennifer Lopez e l’associazione slogan-prodotto è subito fatta! Ma Martini, Vodafone, Fiat sono alcuni dei marchi nostrani che hanno giovato dell’ effetto “english language”.

L’effetto word of mouth di queste headline/payoff pubblicitarie, che in alcuni casi entrano nel vocabolario delle generazioni teen, hanno evidentemente una ricaduta in termini di brand reputation tutto sta a misurarne la diffusione…. Qualcuno ha un’idea in proposito?

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 Email -- Google+ 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
Altro... American Express, brand, Carmelo Zuccaro, comunicare sui social media, comunicazione, Coop, Enrico Mentana, facebook Unicef Italia, Gianni Morandi, Ikea, immigrazione, Jovanotti, l’Unicef in Italia, Luigi Di Maio, migranti italia, ONG, ONG taxi migranti, Poste Italiane, reputazione, Riccardo Luna, social media, social media management, social media manager Unicef, stipendi Unicef Italia, strategia comunicativa, strategia di comunicazione, strategia social, Twitter Unicef Italia, Unicef, Unicef bambini migranti, Unicef Italia, Unicef Italia twitter, Unicef Italia volontari, unicef migranti facebook, unicef migranti online
Alla Boston Marathon Adidas corre troppo e scivola sui ringraziamenti ai partecipanti “Congratulazioni, siete sopravvissuti”

Una DEM ti seppellirà, o forse no: “Siete sopravvissuti alla maratona!” –  Grazie, lo sapevamo...

brand alta gamma usano social per dialogare coi clienti
I brand del True-Luxury puntano su social media e reputazione per guidare i consumi di alta gamma

Se i dieci uomini e le dieci donne più ricche del mondo della classifica di...

FORD_protesta_Bangkok
Le Ford Focus non frenano e la protesta accelera: assediata la sede Ford di Bangkok

Hai voluto la macchina? E adesso… prendila a badilate! Stufi dei malfunzionamenti e del continuo...

Chiudi