persone (50)
0 Flares Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 Email -- Google+ 0 Pin It Share 0 0 Flares ×

E’ la generazione che è diventata maggiorenne negli anni ’90 che oggi rimane seduta sulla banchina ad aspettare quel treno che non arriva mai. Quello che dovrebbe portare il Lavoro e che, forse, è fermo appena qualche stazione più in là. Sono i ragazzi che sono cresciuti sospesi tra Forrest Gump e Pulp Fiction, le due diverse anime del sogno americano. I ventenni che respirando hip hop e musica dance hanno salutato il disco in vinile e la musicassetta. Quei ragazzi che hanno visto la rivoluzione dei Simpson e di South Park e che hanno fatto ironia su antiche abitudini e vizi collettivi. Sono i futuri manager che si prenoteranno da soli le trasferte, sceglieranno un volo low cost, e approfitteranno per andare a vedere una mostra di arte contemporanea, o un concerto rap.
Non sono cresciuti con la cravatta, ma sono capaci di indossarla. Non sono affatto diplomatici, ma hanno molte contaminazioni internazionali. Hanno masticato le culture e le abitudini del mondo. Seppur di un mondo virtuale. Sono loro che rimangono fuori dalla grande giostra dell’operosità, con i loro talenti e il loro entusiasmo. Stanno ancora aspettando che le promesse del mondo degli adulti diventino realtà: il lavoro, tra le tante, era una promessa; dimenticata. Rispolverata ogni tanto, di solito per fini politici. Come l’effetto serra e il protocollo di Kyoto, come la tragica scomparsa di Lady D del ‘97. Una Google generation disillusa, che ha assistito in età adolescenziale allo scandalo Lewinsky, e che, da allora, non ha più potuto credere nel binomio reputazione e potere.

A questi ragazzi, chiusi fuori dalla porta seppur con un gigantesco mazzo di chiavi in mano, si è rivolto Alessandro Benetton con Unemployeed of the Year, un concorso di idee per i giovani senza lavoro finalizzato a finanziare nuovi progetti artistici e sociali.
Qualche tempo prima, alla generazione di Toy Story si era rivolta Monica Pasetti, con le borse di studio Cera di Cupra per premiare il talento in campo letterario e artistico.
In questa direzione anche Changemakers, di Expo 2015 e Telecom Italia, progetto che vuole individuare i migliori progetti digitali che si propongono di risolvere importanti questioni sociale e ambientali.
E per le migliori idee di business scendono in campo il Corriere della Sera, SDA Bocconi e Armando Testa che si propongono di contribuire in termini di conoscenze, formazione e comunicazione. Come ha detto Jovanotti a Italia loves Emila …  ‘questo è quello che sappiamo fare’.

In pochi credono a questa generazione di transizione, che non ricorda il telefono fisso e la Sip e non ha mai usato un gettone. Che rimane a casa a lungo con i genitori. Che divorzia più facilmente. Che non protesta ad alta voce. Collocati dalla storia tra i sessantottini e i nativi digitali, sono sempre sembrati meno interessanti. Quei pochi che ci credono però sono fari in porto in grado di illuminare a chilometri di distanza, con qualsiasi condizione di mare. Quei pochi, imprese scuole o imprenditori, hanno capito che valorizzare ed accogliere anche uno solo di quei 100 milioni di ragazzi fermo alla banchina è un modo per dar valore all’economia, alle persone e, why not, al proprio brand. Grazie allora ai Benetton, ai Pasetti, alle Bocconi e agli Armando Testa, a quelli che ci hanno creduto perché  come direbbe Homer Simpson: “Tutti noi abbiamo bisogno di credere in qualcosa: io credo che tra un attimo mi farò una birra!”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 Email -- Google+ 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
Altro... American Express, brand, Carmelo Zuccaro, comunicare sui social media, comunicazione, Coop, Enrico Mentana, facebook Unicef Italia, Gianni Morandi, Ikea, immigrazione, Jovanotti, l’Unicef in Italia, Luigi Di Maio, migranti italia, ONG, ONG taxi migranti, Poste Italiane, reputazione, Riccardo Luna, social media, social media management, social media manager Unicef, stipendi Unicef Italia, strategia comunicativa, strategia di comunicazione, strategia social, Twitter Unicef Italia, Unicef, Unicef bambini migranti, Unicef Italia, Unicef Italia twitter, Unicef Italia volontari, unicef migranti facebook, unicef migranti online
Alla Boston Marathon Adidas corre troppo e scivola sui ringraziamenti ai partecipanti “Congratulazioni, siete sopravvissuti”

Una DEM ti seppellirà, o forse no: “Siete sopravvissuti alla maratona!” –  Grazie, lo sapevamo...

brand alta gamma usano social per dialogare coi clienti
I brand del True-Luxury puntano su social media e reputazione per guidare i consumi di alta gamma

Se i dieci uomini e le dieci donne più ricche del mondo della classifica di...

FORD_protesta_Bangkok
Le Ford Focus non frenano e la protesta accelera: assediata la sede Ford di Bangkok

Hai voluto la macchina? E adesso… prendila a badilate! Stufi dei malfunzionamenti e del continuo...

Chiudi