varie digital lavazza
0 Flares Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 Email -- Google+ 0 Pin It Share 0 0 Flares ×

Da ormai un ventennio Lavazza interpreta il piacere universale del caffè e il suo potere seduttivo realizzando un Calendario con immagini d’autore, al quale hanno dato il loro contributo fotografi del calibro di Helmut Newton, David LaChapelle, Elliott Erwitt, Annie Leibovitz, Marino Parisotto, Ellen von Unwerth. Un viaggio artistico, culminato l’anno scorso con il calendario The Lavazzers e una mostra, alla Triennale di Milano, per celebrare l’anniversario:  un percorso attraverso le immagini dei maestri della fotografia che hanno reso il calendario oggetto di collezione e prezioso strumento di comunicazione internazionale del brand. Dopo 20 anni di fotografie d’autore, con l’edizione 2013 il calendario Lavazza si rinnova completamente e innova, aprendosi alla rete. In pieno accordo con il concetto democratico di crowdsourcing, gli interpreti della prossima edizione saranno gli utilizzatori di Instagram, con le loro fotografie, diretti dalla sapiente regia di  Marco Brambilla, il digital artist italocanadese di fama internazionale, noto per i suoi video selezionati al Film Festival di Venezia 2011 e 2012 Sundance Film Festival. ll nome del progetto #OperaViva, presentato oggi durante la Social Media Week di Torino , deriva dal medesimo hashtag che gli utenti di Instagram dovranno aggiungere alle loro foto postate sul social network, per permetterne l’aggregazione. Potranno dare il loro contributo centinaia di appassionati di fotografia e nuove arti digitali: l’opera finale sarà un video collage costruito sui contenuti ricevuti, integrati dall’artista in modo da sintetizzare un anno in una giornata ideale, suddiviso in 12 momenti da due ore ciascuno. A ogni mese dell’anno viene così associato uno spazio di due ore del giorno e a questi un tema: ad esempio, l’arco temporale 12-14 corrisponde a luglio e rappresenta il sole. Gli altri temi sono la casa, il cibo, il risveglio, il lavoro, il buio, il sogno…tutti elementi che ognuno potrà liberamente interpretare e catturare in immagini o in video. Il tredicesimo tema, trait d’union con i precedenti calendari, è il caffè, centro emotivo della giornata ideale.
Fino al 31 ottobre si potranno caricare le proprie immagini e i propri video o su Instagram grazie all’hashtag #OperaViva o tramite l’APP per Iphone/Ipad Opera Viva, scaricabile gratuitamente da iTunes Store. Dal 1° novembre Marco Brambilla selezionerà i contributi per realizzare l’edizione 2013 del Social Calendar Lavazza che sarà online da gennaio 2013, sul sito operaviva.lavazza.com

Anche la modalità di fruizione del nuovo calendario sarà innovativa e vicina alle logiche di partecipazione e condivisione proprie del web: l’opera finale, una volta scaricata, sarà infatti personalizzabile con i propri contenuti multimediali, creando in questo modo una propria versione unica ed esclusiva.
In attesa di vedere il progetto realizzato, qui trovate il brief per poter partecipare al primo calendario social: instagramersitalia.it/lavazza-su-instagram-con-opera-viva-social-calendar-instagramers

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 Email -- Google+ 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
Altro... ceo, Comunicazione di Crisi; comunicazione 2.0; New York Times;, crisis communication managemet, Facebook, General Motors, Mary Barra, product recalls, social media
campagna greenpeace
Attacco a Shell di Greenpeace: i mattoncini della reputazione di Lego in balia delle acque dell’artico

Cosa spinge d’un tratto un’azienda a mettere a rischio un sistema di valori costruito con...

Acqua che fa del bene
CSR e reputazione vanno a braccetto. I casi di big come Ferrarelle, Coca Cola e Nestle

La Corporate Social Responsibility è ormai argomento gettonatissimo, considerando che soprattutto le grandi aziende sono...

burger-king-pride-burger-2
Burger King, Findus e il Pinkwashing: strategia aziendale o tendenza morale?

Solo qualche anno fa sarebbe stato rischioso per un’azienda prendere una posizione netta su un...

Chiudi