clothes
0 Flares Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 Email -- Google+ 0 Pin It Share 0 0 Flares ×

H&M nasce in Svezia nel 1947 e conta ad oggi una catena di oltre mille negozi monomarca in tutto il mondo.Celebre per le magliette e i vestiti a basso costo, creati “per durare una sola stagione” in questi ultimi anni sta rivoluzionando il proprio business e, di conseguenza, la propria immagine aziendale e reputazione, diversificando il servizio offerto.

I primi passi di questo cambiamento sono da rintracciare nelle indovinate campagne di comunicazione e nelle celebri collaborazioni con stilisti del calibro di Karl Lagerfeld , Versace o star internazionali come Madonna. Le capsule collection si posizionano su fasce di prezzo più alte rispetto ai prodotti basic del brand, arrivando a sfiorare i 200 euro, rispetto ai 20, 30 o 40 di un vestito o di una giacca standard.
Un secondo passo nella rivoluzione dell’immagine del gruppo è il lancio recente della Exclusive Conscious Collection , realizzata con materiali sostenibili, organici e riciclati che ha visto in Michelle Williams la principale testimonial. Sul red carpet dei Bafta 2012 l’attrice americana ha indossato un abito della collezione, realizzato su misura per lei, che è stato particolarmente apprezzato dagli stylist americani.
Più recente è la collezione Cos – Collection of style – presentata da Marie Honda, Direttore del brand e da Giulia Salinari, Responsabile Comunicazione Italia di H&M come la collezione alla base della “nuova catena di lusso di H&M”.
Cos debutterà al prossimo Salone del Mobile di Milano con un pop un store dal design ricercato. Alla presentazione del brand seguirà poi,  in maggio, l’apertura del primo store italiano monomarca in Corso Venezia con prezzi medi che vanno dai 15 euro di una collana ai 500 per una giacca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 Email -- Google+ 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
Altro... American Express, brand, Carmelo Zuccaro, comunicare sui social media, comunicazione, Coop, Enrico Mentana, facebook Unicef Italia, Gianni Morandi, Ikea, immigrazione, Jovanotti, l’Unicef in Italia, Luigi Di Maio, migranti italia, ONG, ONG taxi migranti, Poste Italiane, reputazione, Riccardo Luna, social media, social media management, social media manager Unicef, stipendi Unicef Italia, strategia comunicativa, strategia di comunicazione, strategia social, Twitter Unicef Italia, Unicef, Unicef bambini migranti, Unicef Italia, Unicef Italia twitter, Unicef Italia volontari, unicef migranti facebook, unicef migranti online
Alla Boston Marathon Adidas corre troppo e scivola sui ringraziamenti ai partecipanti “Congratulazioni, siete sopravvissuti”

Una DEM ti seppellirà, o forse no: “Siete sopravvissuti alla maratona!” –  Grazie, lo sapevamo...

brand alta gamma usano social per dialogare coi clienti
I brand del True-Luxury puntano su social media e reputazione per guidare i consumi di alta gamma

Se i dieci uomini e le dieci donne più ricche del mondo della classifica di...

FORD_protesta_Bangkok
Le Ford Focus non frenano e la protesta accelera: assediata la sede Ford di Bangkok

Hai voluto la macchina? E adesso… prendila a badilate! Stufi dei malfunzionamenti e del continuo...

Chiudi