\n\n\n\n
Hot

Primo aprile, giornata doc per molte marche e personaggi alla ricerca di visibilità

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 Email -- Google+ 0 0 Flares ×

Si sa, il primo d’aprile è l’unico giorno dell’anno in cui “ogni scherzo vale” e, come nelle migliori tradizioni, anche quest’anno molte aziende italiane e internazionali si sono sfidate a suon di iniziative di PR e bufale. Con l’evidente obiettivo di superare la fatidica soglia di attenzione mediatica, Google ha annunciato che da mezzanotte avrebbe staccato la spina a Youtube, mentre Twitter inaugurava un nuovo servizio senza vocali “per rendere più efficiente e condensata la comunicazione”. Anche il mondo della politica non si è sottratto ai festeggiamenti, con l’ex Ministro della Salute francese, Roselyne Bachelot, che ha comunicato all’emittente Rtl che sarà la prossima ‘James Bond girl’: “Non si possono prendere solo 25/30enni superdotate, bisogna pensare pure a un pubblico più maturo”. E la BMW che, ben consapevole dell’attenzione mediatica riservata dalle testate inglesi al Royal Baby, ha presentato una limited edition della nuovissima auto-passeggino elettrico, riservata esclusivamente ai cittadini del Regno Unito con ambizioni regali, disponibile nei colori Princess Pink o Royal Blue.

Alcuni di questi lanci PR, tra l’altro, sono così ben congegnati da esperti consulenti di comunicazione con un’evidente marcia in più che, grazie ad un contenuto particolarmente virale, strategico e brillante, anche a distanza di anni, continuano a raccogliere consensi e condivisioni tra gli internauti … Ricordate, ad esempio, la storia dei pinguini volanti trasmessa dalla BBC nel 2008? Ad oggi il filmato è ancora disponibile su youtube e registra oltre 3 milioni di visualizzazioni … niente male per una bufala …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 Email -- Google+ 0 0 Flares ×
Altro... aspetti di reputazione, crollo in Borsa, data, LinkedIn, peace, Privacy, reputazione, sicurezza, social media, social network, strategia di recovery, twitter
Il Guardian, Facebook e l’accusa di manipolare i trending topics

Sebbene non sia disponibile in italiano, Trending è una sezione di Facebook che permette agli...

convivio-680x366
Per Convivio “L’Aids è di moda”. Provocazione o reputazione?

E’ questo il tanto discusso claim della nuova campagna scelta da Convivio per promuovere la...

La reputazione di Johnson & Johnson si decide in tribunale?

La sentenza è stata emessa, di nuovo: Johnson & Johnson dovrà pagare 55 milioni di...

Chiudi