Not

Senza diplomazia Victoria Nuland finisce a nudo sui Social Media

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 Email -- Google+ 0 0 Flares ×

Leggerezze al di fuori dell’orario d’ufficio per la segretario Victoria Nuland, segretario di Stato aggiunto, vice del responsabile diplomazia USA John Kerry e responsabile per le relazioni con l’Europa. La Nuland, in missione a Kiev, mentre era al telefono con l’ambasciatore americano della capitale ucraina, Geoffrey Pyatt, a fronte della situazione critica per il territorio in questione, non ha esistato ad abbandonare la diplomazia esclamando “Fuck the EU”. Di certo la rappresentante USA non poteva immaginare che la telefonata fosse stata intercettata e che sarebbe stata pubblicata su YouTube per il pubblico ludibrio. (la frase incriminata è al minuto 3.00)

Ad aggravare l’accaduto anche il contenuto della telefonata, strettamente riservato per questioni di sicurezza internazionale, in cui si parlava di un piano alternativo a quello dell’Unione Europea per l’intervento in Ucraina. La Casa Bianca ha cercato di correre ai ripari accusando Mosca per la mossa di spionaggio scorretta emersa dalla vicenda. Non c’è nulla di chiaro, per forza di cose, nella diplomazia internazionale e nelle trattative serrate che regolano il potere tra gli Stati, e gli eventi degli ultimi tempi aprono una falla enorme sulle questioni di sicurezza dei canali di comunicazione utilizzati dai massimi funzionari della politica fino a renderli completamente esposti, in qualsiasi circostanza, al controllo di ogni singola parola pronunciata.

Al di là del merito della questione, la gaffe della Nuland resta, e la segretario ha provveduto a scusarsi pubblicamente con le istituzioni dell’Unione Europea. La reputazione della diplomatica vacilla nonostante una carriera di ferro, come si evince dalle polemiche sollevate da rappresentanti del governo di Kiev, primo fra tutti un assistente al gabinetto del primo ministro ucraino, Dmitry Loskutov, che ha twittato la telefonata commentando: “Un giudizio piuttosto controverso sull’Unione Europea da parte del Vice Segretario di Stato Victoria Nuland”.

Osservando il profilo dello stesso Loskutov si nota come la diplomazia, gli incontri, i tweet (primo fra tutti lo scambio di Tweet con lo stesso Ambasciatore USA Geoffrey Pyatt) siano abbondantemente svelati sul Social Network. Una sala di incontri pubblica da monitorare e tenere sott’occhio per gestire relazioni personali di personalità che hanno in mano delicati equilibri da cui dipendono milioni di vite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 Email -- Google+ 0 0 Flares ×
Altro... Casa Bianca, comunicato stampa, comunicazione, Donald Trump, Exxon, ExxonMobil Corporation, Marziale, plagio, PR, PR staff, reputazione, Rex Tillerson, US
Fedez contro le fake news dei giornalisti, risponde a Concita de Gregorio su Facebook
Fedez discute con Concita De Gregorio di giornalisti e fake news. #storytelling di una reputazione da 800 mila click

“Dovrebbero andare a lavorare in miniera”. Se partisse un toto-scommesse su chi possa aver detto...

A San Valentino polemiche per le promozioni Keyaku e Media World per la festa degli innamorati

Per la gioia dei single di tutto il mondo, San Valentino è arrivato e con...

Budweiser boicottata per lo spot contro Donald Trump
Alla rete la sentenza sullo spot di Budweiser per il Super Bowl, e intanto scatta il boicottaggio del brand che sfida Trump

Super Bowl o super boycott? All’azienda produttrice di birra Budweiser sono bastati 60 secondi di...

Chiudi