\n\n\n\n
Not

I tifosi della Juventus reagiscono male sui social a #itstimetobeproud del Presidente Agnelli

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 Email -- Google+ 0 0 Flares ×

Sarà stata la scaramanzia ma, visti risultati, sembra difficile che il team che segue i social media della Juventus avesse preparato con la giusta dose di “pragmatismo e sensibilità” una strategia e relative attività di content management per il racconto della sconfitta…. E se perdiamo, che si dice? La risposta più indicata sembra essere “cosa c’è di meglio che non puntare sull’orgoglio, sul senso di appartenenza”? Vero ma forse non così a caldo e non così a ridosso di una sonora sconfitta con il Real Madrid.

L’orgoglio cui si riferisce il Presidente Agnelli, in una nota rilasciata alla società, è quello per una stagione perfetta (a dire il vero “quasi perfetta), per il 33esimo scudetto vinto, per una squadra composta da campioni. Ma questa viene pubblicata con un certo ritardo, molto dopo la scelta dell’hashtag #itstimetobeproud per accompagnare i post di celebrazione del team, dopo il commento del capitano Gigi Buffon e dell’allenatore Allegri; quindi, non sorprende che la risposta più diffusa sia “proud de che?!?”.

Sembra che il popolo juventino non abbia affatto apprezzato le parole scelte dal social media manager della Juve, Be Proud – essere orgogliosi, al di là della sconfitta non si può sostenere una squadra che, dopo una stagione perfetta, ha perso la partita della vita a causa di quei giocatori, che, profumatamente pagati e spacciati per campioni, non ci hanno creduto. Ecco quindi spiegato il motivo delle 1000 faccine arrabbiate del post su Facebook (che ha collezionato ben 30.322 reaction) o dei 952 commenti su Twitter. Questo, almeno, vale per il primo contenuto pubblicato, quello a caldo diciamo. Poi la situazione cambia. Il sentiment delle conversazioni, ad oggi, registra oltre 184.1K discussioni attive, ma, a differenza di quanto ci aspetteremmo leggendo i primi dati, il 57% è positivo. Come mai? Ascoltando con attenzione la rete è possibile notare il momento preciso in cui la rabbia dei tifosi si è trasformata (questa volta davvero) in orgoglio: quando i sostenitori delle altre squadre italiane hanno incominciato a prendere in giro gli juventini. Il cambio di direzione è visibile già dal secondo post pubblicato sulle bacheche, dove una carrellata di immagini è accompagnata dal copy “orgogliosi di ognuno di voi”: 79.790 reazioni, 6.581 commenti, 14.072 condivisioni solo su Facebook. L’amore è tornato nell’aria? No, solo che i fan della Vecchia Signora non sono abituati ad essere scherniti, soprattutto da milanisti e interisti. Tutto previsto? Tutto prevedibile? Sui social sicuramente tutto in divenire…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 Email -- Google+ 0 0 Flares ×
Altro... Casa Bianca, comunicato stampa, comunicazione, Donald Trump, Exxon, ExxonMobil Corporation, Marziale, plagio, PR, PR staff, reputazione, Rex Tillerson, US
Fedez contro le fake news dei giornalisti, risponde a Concita de Gregorio su Facebook
Fedez discute con Concita De Gregorio di giornalisti e fake news. #storytelling di una reputazione da 800 mila click

“Dovrebbero andare a lavorare in miniera”. Se partisse un toto-scommesse su chi possa aver detto...

A San Valentino polemiche per le promozioni Keyaku e Media World per la festa degli innamorati

Per la gioia dei single di tutto il mondo, San Valentino è arrivato e con...

Budweiser boicottata per lo spot contro Donald Trump
Alla rete la sentenza sullo spot di Budweiser per il Super Bowl, e intanto scatta il boicottaggio del brand che sfida Trump

Super Bowl o super boycott? All’azienda produttrice di birra Budweiser sono bastati 60 secondi di...

Chiudi