troppeP
0 Flares Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 Email -- Google+ 0 Pin It Share 0 0 Flares ×

È una storia non proprio recente, la storia della relazione tra chi racconta storie e chi cerca storie da raccontare. Cambiano i tempi e la società dell’informazione deborda nei confini, nelle professioni, negli approcci: un vero e proprio minestrone quotidiano fatto ogni giorno di ingredienti magari diversi, che deve sfamare milioni di persone ed il cui sapore alla base rimane sempre lo stesso.

Beppe Severgnini settimana scorsa ha scritto un post esilarante sulla sua rubrica Italians del Corriere.it in cui ha esplicitato il suo rapporto con gli uffici stampa e le agenzie di PR che lo assalgono. In realtà il recente post non è una primizia sul tema, dalla sua rubrica infatti fustiga da tempo le “piccole rottweiler”  che crescono e si moltiplicano in quantità diametralmente opposte ai giornalisti, le cui redazioni sono sempre più “vuote”.

Severgnini ha ragione: PR vuol dire Public Relations e le Public Relations, quelle forse meno paludate che Severgnini conosce bene non hanno confini, tanto che noi in questo caso abbiamo scomodato l’arte del fumetto chiedendo un’interpretazione della “storia” alla matita di Davide Besana. Ma PR vuole dire più e solo l’epiteto Piccole Rottweiler demarca alla perfezione la nostra capacità di non mollare. In un paese in cui molti sociologi tracciano la “rassegnazione” come una delle principali cause di stagnazione (non solo economica), Beppe Severgnini con la sua straordinaria sensibilità ha scovato il vero punto di ripartenza: PR d’Italia!

[Not a valid template]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 Email -- Google+ 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
Altro... American Express, brand, Carmelo Zuccaro, comunicare sui social media, comunicazione, Coop, Enrico Mentana, facebook Unicef Italia, Gianni Morandi, Ikea, immigrazione, Jovanotti, l’Unicef in Italia, Luigi Di Maio, migranti italia, ONG, ONG taxi migranti, Poste Italiane, reputazione, Riccardo Luna, social media, social media management, social media manager Unicef, stipendi Unicef Italia, strategia comunicativa, strategia di comunicazione, strategia social, Twitter Unicef Italia, Unicef, Unicef bambini migranti, Unicef Italia, Unicef Italia twitter, Unicef Italia volontari, unicef migranti facebook, unicef migranti online
Alla Boston Marathon Adidas corre troppo e scivola sui ringraziamenti ai partecipanti “Congratulazioni, siete sopravvissuti”

Una DEM ti seppellirà, o forse no: “Siete sopravvissuti alla maratona!” –  Grazie, lo sapevamo...

brand alta gamma usano social per dialogare coi clienti
I brand del True-Luxury puntano su social media e reputazione per guidare i consumi di alta gamma

Se i dieci uomini e le dieci donne più ricche del mondo della classifica di...

FORD_protesta_Bangkok
Le Ford Focus non frenano e la protesta accelera: assediata la sede Ford di Bangkok

Hai voluto la macchina? E adesso… prendila a badilate! Stufi dei malfunzionamenti e del continuo...

Chiudi