\n\n\n\n
Not

Gasparri mina vagante su Twitter. Cosa aspettarsi stasera per #ItaliaCostaRica?

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 Email -- Google+ 0 0 Flares ×

Il tifo italico per i mondiali di calcio è racchiuso simbolicamente in tutta la sua potenza indiavolata nella scena epica de “Il secondo tragico Fantozzi”, ma anche negli spot di aziende nazionali e di famiglia come Nutella, Barilla e Peroni, che ciclicamente lo raccontano con passione, esaltandone i valori di unione e amicizia.
Allineandosi invece al fanatismo della stampa estera più aggressiva, che ogni qualvolta gli azzurri scendono in campo titola all’attacco di “spaghettari, pizza e mandolino”, un esponente della nostra classe politica ha mostrato la faccia più brutta dello spirito sportivo. Di chi si tratta? Ma di Maurizio Gasparri, non un novellino nell’uso scorretto di Twitter. Infuocato già il profilo lo scorso ottobre con quel minaccioso “Go home” indirizzato a Barack Obama, le risse intercorse con Formigoni e Schifani, frammezzate dalla stroncatura a “La grande bellezza” dopo la lunga bagarre con Paolo Virzì, per Inghilterra-Italia il vicepresidente del Senato ha sfoderato un atteggiamento che neanche il più rabbioso degli ultras. Assalito da un’eccitazione incontrollabile per i goals di Marchisio e Balotelli, ha mitragliato compulsivamente prima contro la Regina Elisabetta e il popolo di Sua Maestà, poi contro ogni utente che gli capitasse a tiro, finendo per attaccare Wired, reo di avere pubblicato un articolo in cui chiedeva per il bene del deputato di Forza Italia che gli venisse tolto lo strumento dalle mani.

Un abuso delle possibilità concesse dal web circa la manifestazione del pensiero libero, preso letteralmente alla lettera con l’aggravante di provenire da un rappresentante delle Istituzioni. Il tutto peraltro in occasione di un match ben giocato, dove entrambe le squadre e tifoserie si sono distinte per compostezza e rispetto reciproco. Fratelli d’Italia, l’Italia non s’è destata dalle solite volgari polemiche, fedeli più che alla maglia ad un linguaggio, che rimane sempre uguale, sia esprimendosi tra le pareti dei palazzi, sia rimbombando nella cassa di risonanza digitale.
Ma siamo sicuri che sia ignaro di Social Media Marketing? In barba alla reputazione la curiosità ha prevalso, regalando alla pagina di Gasparri una costante crescita di follower ed un aumento della visibilità del senatore, al centro dell’attenzione nell’ultima settimana con quasi 13.000 tra tweets e mentions.
Che perle aspettarsi stasera che affrontiamo il Costa Rica, soprattutto ora che l’Uruguay ha rimesso in discussione il girone? Indignazione per gli slogan dopo la vittoria, ma un pareggio rischierebbe di compromettere la diplomazia, anche degli utenti più pacifici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 Email -- Google+ 0 0 Flares ×
Altro... Casa Bianca, comunicato stampa, comunicazione, Donald Trump, Exxon, ExxonMobil Corporation, Marziale, plagio, PR, PR staff, reputazione, Rex Tillerson, US
Fedez contro le fake news dei giornalisti, risponde a Concita de Gregorio su Facebook
Fedez discute con Concita De Gregorio di giornalisti e fake news. #storytelling di una reputazione da 800 mila click

“Dovrebbero andare a lavorare in miniera”. Se partisse un toto-scommesse su chi possa aver detto...

A San Valentino polemiche per le promozioni Keyaku e Media World per la festa degli innamorati

Per la gioia dei single di tutto il mondo, San Valentino è arrivato e con...

Budweiser boicottata per lo spot contro Donald Trump
Alla rete la sentenza sullo spot di Budweiser per il Super Bowl, e intanto scatta il boicottaggio del brand che sfida Trump

Super Bowl o super boycott? All’azienda produttrice di birra Budweiser sono bastati 60 secondi di...

Chiudi