\n\n\n\n
Ritorna Winner Taco
0 Flares Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 Email -- Google+ 0 Pin It Share 0 0 Flares ×

E’ il salto di qualità a cui tutti i brand aspirano, il Nirvana di pubblicitari e manager, la Mecca soltanto intravista da tutti coloro che svolgono il mestiere: la creazione di un prodotto talmente forte da sedimentarsi nell’ anima dei consumatori, da restare nei loro cuori per vent’anni dopo il triste e ingiustificato ritiro dal mercato. Nel corso degli anni ‘90 Algida aveva deciso di ritirare il Winner Taco dal mercato, nonostante già allora fosse un gelato cult amato da molti, perché considerato poco redditizio e non valevole di scommesse commerciali da parte dell’azienda.

Senza alcuno sforzo da parte di Algida, quasi venti anni dopo, si accende la miccia che porta all’esplosione di uno dei casi più interessanti sui social media degli ultimi tempi: su Facebook si costituisce una pagina Fan, una community di nostalgici del Winner Taco disposta a lottare per avere indietro il gelato beniamino dell’infanzia, la cialda croccante ricoperta di cioccolato e piena di dolce gelato al caramello, il compagno di giochi che improvvisamente ha lasciato la città per trasferirsi altrove. Proprio come per i compagni d’infanzia smarriti, i social network sono stati in grado di ritrovare anche il Winner Taco, di riagganciare i contatti e in un certo senso di farlo tornare a nuova vita attraverso un’alacre attività al limite dello spam sul profilo ufficiale di Algida.

Questa è stata infatti la strategia dell’Esercito del Winner Taco: tartassare incessantemente ogni singolo post pubblicato sulla pagina Facebook di Algida, screditando qualsiasi prodotto in favore del Winner Taco. Commenti, condivisioni e richieste di vario genere hanno generato volumi di engagement sulla pagina Algida mai visti prima d’ora, rendendo impossibile da parte dell’azienda  ignorare le richieste degli utenti.

Partita come una possibile crociata persa, una battaglia contro i mulini a vento, la lotta dei pro – Winner Taco si è trasformata in un emblematico caso di vittoria degli utenti sulle decisioni aziendali, la prova che i consumatori, quando si uniscono per avere qualcosa, oggi grazie ai social media possono fare talmente tanto rumore da ottenerlo.

Il profilo Twitter del gelato @IlWinnerTaco è stato creato appositamente per l’occasione e nel giro di 2 giorni ha già guadagnato 780 Followers.


Sulla rete è in corso un’esplosione di traffico sull’hashtag #winnertaco mentre tutti i supporter del grande ritorno inneggiano alla vittoria. Si tratta di vero e proprio amore per questo gelato che ha assunto la forma della leggenda metropolitana, facendo gola tanto ai nostalgici che alle nuove generazioni a cui è stata trasmessa la voglia di assaggiare questa delizia d’altri tempi, ormai introvabile in tutti i freezer d’Italia. Una dimostrazione di interesse che va oltre la loyalty verso il Winner Taco e si trasforma in uno smodato e spassionato amore.

Per ora, oltre all’annuncio del ritorno sulla pagina Fan di Algida, ancora nessuna comunicazione ufficiale da parte di Algida, mentre a Roma a ponte Milvio campeggia da qualche ora l’installazione di un Winner Taco gigante. Si vocifera sulla rete che il gelato tornerà in produzione il giorno di San Valentino, proprio per suggellare, a questo punto, una grande storia d’amore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 Email -- Google+ 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
Altro... ceo, Comunicazione di Crisi; comunicazione 2.0; New York Times;, crisis communication managemet, Facebook, General Motors, Mary Barra, product recalls, social media
campagna greenpeace
Attacco a Shell di Greenpeace: i mattoncini della reputazione di Lego in balia delle acque dell’artico

Cosa spinge d’un tratto un’azienda a mettere a rischio un sistema di valori costruito con...

Acqua che fa del bene
CSR e reputazione vanno a braccetto. I casi di big come Ferrarelle, Coca Cola e Nestle

La Corporate Social Responsibility è ormai argomento gettonatissimo, considerando che soprattutto le grandi aziende sono...

burger-king-pride-burger-2
Burger King, Findus e il Pinkwashing: strategia aziendale o tendenza morale?

Solo qualche anno fa sarebbe stato rischioso per un’azienda prendere una posizione netta su un...

Chiudi