persone (35)
0 Flares Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 Email -- Google+ 0 Pin It Share 0 0 Flares ×

In tempo di crisi gli italiani non riescono a rinunciare allo stile e si inventano un modo tutto nuovo per essere sempre al passo con la moda. Quello di cui stiamo parlando è la nuova tendenza  di noleggiare capi d’abbigliamento ed accessori di gran moda  ad una somma del tutto esigua, se paragonata al loro prezzo nelle boutique, e poi restituirli all’azienda che li ha “prestati”.

Ormai, tramite facili ricerche su internet, è possibile noleggiare di tutto ma la cosa che più attira gli italiani è il noleggio di accessori di lusso che difficilmente potrebbero essere acquistati.  E’ forse la voglia di comunicare benessere, la voglia di scacciare via la crisi che spinge sempre più donne ad accedere a questi siti?
La risposta sta tutta nel boom che stanno conoscendo questi  “negozi del noleggio”.. Scarpe, gioielli, abiti vintage, ma soprattutto le borse sono l’oggetto del desiderio delle signore. Le più richieste? Sempre le stesse: la classica Chanel, la Kelly, la New Bamboo di Gucci, le Vuitton (tutte), una Lady Dior qualsiasi, l’ultima Prada, l’ultima Fendi.

Al momento le grandi Maison del lusso sembrano non vedere intaccata la brand reputation della loro produzione e questo nuovo business si trasforma in una “vetrina” nella quale tutti possono sbirciare.
Le attività di Mariella Veronesi, Annalisa Dimonte, Stefano Cantino, Direttori Marketing rispettivamente di Chanel, Gucci e Prada, senz’altro gioveranno della ancor maggiore visibilità dei loro prodotti presso un target aspirazionale: appunto brand visibility ma dal punto di vista della reputazione?

Antonella Amato  la fondatrice di Vanity Lady, sito di noleggio borse e accessori di lusso afferma di non fare in tempo ad esporre sul sito le new entry che subito vanno a ruba!

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 Email -- Google+ 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
Altro... American Express, brand, Carmelo Zuccaro, comunicare sui social media, comunicazione, Coop, Enrico Mentana, facebook Unicef Italia, Gianni Morandi, Ikea, immigrazione, Jovanotti, l’Unicef in Italia, Luigi Di Maio, migranti italia, ONG, ONG taxi migranti, Poste Italiane, reputazione, Riccardo Luna, social media, social media management, social media manager Unicef, stipendi Unicef Italia, strategia comunicativa, strategia di comunicazione, strategia social, Twitter Unicef Italia, Unicef, Unicef bambini migranti, Unicef Italia, Unicef Italia twitter, Unicef Italia volontari, unicef migranti facebook, unicef migranti online
Alla Boston Marathon Adidas corre troppo e scivola sui ringraziamenti ai partecipanti “Congratulazioni, siete sopravvissuti”

Una DEM ti seppellirà, o forse no: “Siete sopravvissuti alla maratona!” –  Grazie, lo sapevamo...

brand alta gamma usano social per dialogare coi clienti
I brand del True-Luxury puntano su social media e reputazione per guidare i consumi di alta gamma

Se i dieci uomini e le dieci donne più ricche del mondo della classifica di...

FORD_protesta_Bangkok
Le Ford Focus non frenano e la protesta accelera: assediata la sede Ford di Bangkok

Hai voluto la macchina? E adesso… prendila a badilate! Stufi dei malfunzionamenti e del continuo...

Chiudi