varie-15
0 Flares Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 Email -- Google+ 0 Pin It Share 0 0 Flares ×

Children’s Food Campaign è un’associazione indipendente non governativa attiva nella lotta contro le malattie cardiache. Uno degli obiettivi principali dell’organizzazione è la tutela dell’alimentazione e del sano sviluppo dei bambini.
Nei supermercati, in prossimità dei percorsi con più passaggi e vicino alle casse, vengono esposti i cosiddetti acquisti d’impulso: merendine e dolci ricchi di grassi e di zuccheri che invogliano i bambini in attesa.
In Inghilterra Children’s Food Campaign ha messo in campo un vero e proprio piano di PR per denunciare questa strategia di marketing e sollecitare il Governo Britannico e l’Advertising Standards Authority ad intervenire per prevenire o almeno attenuare questa pratica.

Tutto ha avuto inizio da una ricerca. Lo scorso 24 aprile l’associazione ha pubblicato sul proprio sito web un’indagine dal titolo “Checkouts Checked Out”, condotta analizzando gli allestimenti in prossimità della casse di 48 supermarket londinesi. L’osservatorio ha evidenziato l’assenza, nella quasi totalità dei casi, di cibi salutari nei percorsi con più passaggi stilando peraltro una classifica delle worst practices indagate.
Dopo la pubblicazione dell’indagine, Children’s Food Campaign ha invitato ciascun retailer, citato nella ricerca, a rendere pubblica la propria strategia di marketing e di promozione. Il piano di comunicazione ha visto anche il coinvolgimento delle piattaforme social. Sulla propria pagina Facebook e Twitter, Children’s Food Campaign ha creato un “wall of shame”, invitando i consumatori a fotografare le scaffalature, dei punti vendita frequentati abitualmente, più inclini ad accogliere dolciumi e bibite e ad inviare gli scatti incriminati all’associazione.
La campagna è rimbalzata immediatamente sui media britannici ed è stata ripresa dalla BBC, dal Daily Mail, dall’Huffington Post e dall’Indipendent, oltre a numerose testate locali.

In tempi di social la Children’s Food Campaign batte le Associazioni del Retail 1 a 0. Il mondo del retail si è probabilmente dimenticato le regole basilari della nuova stagione della comunicazione 2.0: risposte che arrivano puntuali, argomenti rigorosi  e convincenti, e azioni trasparenti. E, forse, la crociata contro l’acquisto d’impulso e i più basilari principi del marketing non si sarebbe persa così velocemente.
La questione che la Children’s Food Campaign apre, infatti, non può prescindere da un problema di educazione all’alimentazione che deve coinvolgere molti attori e, probabilmente, solo secondariamente il mondo del retail e dei produttori. Questi bimbi piagnucolanti davanti alle casse perché vorrebbero appropriarsi di un sacchettino di caramelle non saranno mica gli stessi che a casa non si staccano più dalla playstation, a scuola non mangiano frutta e verdura nemmeno se minacciati, in vacanza si annoiano se non c’è un intero pool di animatori che ogni due ore propone loro un gioco diverso, e a merenda mangiano patatine o briochine confezionate? Il problema quindi è delle aziende che propongono alimenti a rischio di obesità e disturbi cardiaci, vicino alle casse o dei genitori che non sono capaci di dire no?

E se il mondo del retail avesse risposto a questa denuncia con informazioni puntuali sui prodotti e una campagna di sensibilizzazione alla corretta alimentazione dei bambini in partnership con il mondo scolastico, il mondo sportivo e il mondo industriale? Leaflet divertenti e colorati da distribuire vicino alle casse? E se distributori e produttori avessero immediatamente approfittato del  ‘wall of shame’ per raccontare il valore nutrizionale dei propri prodotti e gli aspetti salutistici salvaguardati. E se, sullo stesso muro, Haribo, Kinder Ferrero, Leclerc e altre marche e colossi del retail avessero scritto a grandi lettere quello che sostiene l’Organizzazione Mondiale della Sanità, cioè che il vero problema dell’obesità e delle malattie di crescita è che si mangia male e ci si muove troppo poco …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 Email -- Google+ 0 Pin It Share 0 0 Flares ×
Altro... American Express, brand, Carmelo Zuccaro, comunicare sui social media, comunicazione, Coop, Enrico Mentana, facebook Unicef Italia, Gianni Morandi, Ikea, immigrazione, Jovanotti, l’Unicef in Italia, Luigi Di Maio, migranti italia, ONG, ONG taxi migranti, Poste Italiane, reputazione, Riccardo Luna, social media, social media management, social media manager Unicef, stipendi Unicef Italia, strategia comunicativa, strategia di comunicazione, strategia social, Twitter Unicef Italia, Unicef, Unicef bambini migranti, Unicef Italia, Unicef Italia twitter, Unicef Italia volontari, unicef migranti facebook, unicef migranti online
Alla Boston Marathon Adidas corre troppo e scivola sui ringraziamenti ai partecipanti “Congratulazioni, siete sopravvissuti”

Una DEM ti seppellirà, o forse no: “Siete sopravvissuti alla maratona!” –  Grazie, lo sapevamo...

brand alta gamma usano social per dialogare coi clienti
I brand del True-Luxury puntano su social media e reputazione per guidare i consumi di alta gamma

Se i dieci uomini e le dieci donne più ricche del mondo della classifica di...

FORD_protesta_Bangkok
Le Ford Focus non frenano e la protesta accelera: assediata la sede Ford di Bangkok

Hai voluto la macchina? E adesso… prendila a badilate! Stufi dei malfunzionamenti e del continuo...

Chiudi